Domenica 31 maggio

Festa di Pentecoste

“Senza lo Spirito Santo
Dio è lontano.
Cristo rimane nel passato,
il Vangelo è lettera morta.
La Chiesa una semplice organizzazione,
la missione una propaganda
e l’agire dell’uomo una morale da schiavi”
(Ignazio IV Hazim)

La Pentecoste celebra la discesa dello Spirito Santo sulla Chiesa.
L’evento è narrato da san Luca negli Atti degli apostoli.
San Luca, narrandolo, ha presenti due episodi: l’alleanza di Dio sul Sinai, in una tempesta di vento e di fuoco; la torre di Babele, che segnò la dispersione dei popoli. Ora siamo davanti ad una nuova ed eterna alleanza e alla ricostituzione dei popoli in unità, in una sola lingua che tutte le riassume: la lingua dell’Amore. Da quel mattino la Chiesa si affaccia alla ribalta della storia e inizia il suo cammino inarrestabile. L’accompagneranno le persecuzioni, ma il sangue dei martiri è seme di nuovi cristiani.

Grazie

Due parole per ringraziare i parrocchiani che stanno contribuendo in diversi modi ad affrontare la situazione di fragilità di questi tempi.  Un’attenzione rivolta alle famiglie innanzitutto che attraversano qualche momento non facile: interventi di ascolto, di distribuzione pacchi alimentari, aiuto economico nelle diverse forme. Ricordo intanto che potete prendere contatto con la Caritas parrocchiale (il telefono lo trovate su questo sito alla voce ‘Caritas’) per segnalare eventuali necessità e urgenze vostre o di vicini: troveremo il modo di intervenire. Ringrazio anche per l’attenzione di alcuni verso la parrocchia per le sue necessità.. Se anche i momenti celebrativi sono sospesi (per una fede vissuta più in casa) rimangono sempre importanti i gesti di attenzione e di carità verso chi abita nei nostri quartieri.. Don Alessandro

Nessuno si salva da solo

Ci siamo trovati impauriti e smarriti. Come i discepoli del Vangelo siamo stati presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa. Ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca… ci siamo tutti. […] non possiamo andare avanti ciascuno per conto suo, ma solo insieme.

Nessuno si salva da solo

Messaggio integrale

Papa Francesco – 27 Marzo 2020