LA PARROCCHIA

Oratorio Estivo 2021

1. Progetto

“Vogliamo tornare a.. giocare.

Dice il Signore: ‘Vecchi e vecchie siederanno ancora nelle piazze di Gerusalemme.. Le piazze della città formicoleranno di fanciulli e di fanciulle che giocheranno sulle sue piazze..”

«Giocheranno sulle sue piazze» è il sottotitolo dello slogan «Hurrà», tratto dal versetto 5 del capitolo 8 del libro del profeta Zaccaria. Il contesto in cui si inseriscono queste parole dà il senso alla condizione per cui possiamo giocare davvero. Le piazze di cui parla il profeta sono quelle di Gerusalemme, sono quelle della Chiesa, e quindi della comunità e dell’oratorio, dove Dio sempre “torna a dimorare”, ogni volta che sappiamo riconoscerlo. È la presenza di Dio che “fa casa”, “fa ambiente”, “fa campo” affinché chi dimora con lui possa trovare la tranquillità e la serenità del gioco e nel gioco.

l gioco fa parte della vita dei bambini e dei ragazzi, in modo quasi travolgente. Qual è il suo valore? Lo scopriremo ogni giorno, nelle tappe di questa proposta per l’estate! Scopriremo che giocare attiva la vita, la mente, il cuore, il coraggio, la voglia di stare insieme e fare squadra e tantissime altre cose…

2. Proposta

Il percorso estivo si svolgerà su quattro settimane: dal 14 giugno al 9 luglio. La guida della proposta estiva sarà affidata a quattro educatori maggiorenni (dei quali uno sarà il coordinatore dell’intera proposta e uno sarà animatore teatrale) e dalla presenza del sacerdote. 

Proposta gruppo elementari:

Saranno accolti, alla luce del protocollo e degli spazi possibili nel nostro oratorio, 60 ragazzi della scuola elementare  (II-IV elementare), ogni mattino dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle 14.00 (con pranzo al sacco in oratorio)

I ragazzi saranno divisi in 3 gruppi (20 ragazzi/e) con Animatore maggiorenne e altri animatori.

L’attività proposta: laboratori manuali, giochi di squadra, spazio compiti, tornei sportivi.

In ogni giornata non mancheranno anche momenti di preghiera e di riflessione.

Proposta gruppo preadolescenti

Accolti fino a 30 ragazzi, dalla V elementare alla 2^ media. I ragazzi di 3^ media affiancheranno come aiuto gli stessi animatori: tutti i pomeriggi dalle 14.30 alle 18.30. Ogni venerdì l’oratorio estivo si prolungherà nella serata stessa, con tornei sportivi o grandi giochi.

Attività proposte: laboratorio teatrale, attività di documentazione video sull’oratorio estivo, radiocronaca delle giornate estive, uscite.

Verranno proposti anche momenti di riflessione e di confronto sul tema del gioco come segno di condivisione e di gioia nelle relazioni.

Ai preadolescenti sarà proposta anche un pellegrinaggio ad Assisi, la città di Francesco nei primi giorni di settembre.

3. Gruppo Educatori e Animatori

La guida della proposta estiva sarà affidata alcuni educatori ( dei quali uno sarà coordinatore dell’intera proposta) che seguiranno sia la parte di laboratori sia lo spazio compiti  e dalla presenza del sacerdote. Accompagneranno la proposta estiva anche una ventina di animatori adolescenti (15-17 anni) dei quali alcuni  maggiorenni :

il gruppo di ragazzi di 3^ media saranno di aiuto all’organizzazione dell’attività estiva.

4. Costi di partecipazione richiesti alle famiglie:

Quota di iscrizione: €. 20,00 come iscrizione alla proposta estiva (assicurazione..  e materiale laboratori, merende)

Quota settimanale: €. 15,00 a persona (+ €. 5 per ogni altro figlio)



Caritas Parrocchiale
Quaresima di fraternità

IN PRIMO PIANO

Ordinati i preti 2021: «Abbiate un cuore limpido, un pensiero libero»

In Duomo, l’Arcivescovo ha conferito le Ordinazioni presbiterali a 14 nuovi sacerdoti, 10 diocesani e 4 del Pime. «Siate sinceri con voi stessi, non cercate il consenso a prezzo di compromessi, la popolarità come uno scopo»


Conferenza Episcopale Lombarda

GRATITUDINE E IMPEGNO
Lettera dei Vescovi lombardi alle Comunità cristiane
in occasione della Giornata nazionale del Sovvenire
Abbiamo vissuto mesi difficili. Molte famiglie sono state provate da sofferenze e lutti.
Anche diverse Comunità cristiane hanno perso i propri sacerdoti a causa del Coronavirus che ha
lasciato cicatrici dolorose nelle persone e nelle comunità.
È in questo contesto che si colloca, il prossimo 2 maggio, l’annuale Giornata nazionale del
«Sovvenire»


Altre notizie

Back to Top